Una bella serata tra le note di una canzone speciale

Ed ecco che mentre ballo intorno al tavolo da sparecchiare con la “mia” canzone a tutto volume negli auricolari  dell’iPhone, finalmente le lacrime iniziano a scorrere.

 Lacrime di una felicità immensa. Lacrime di una gioia condivisa. Lacrime di commozione cantando e  ripensando a ieri sera. Una serata meravigliosa. Per certi aspetti inaspettata. Un’organizzazione quasi perfetta. Con qualche imprevisto dell’ultimo minuto, brillantemente risolto con  “il bello della diretta”.

Tanti amici, parenti, compagni di questa avventura con il tumore, ex pazienti, ex colleghe, i miei medici, la  mia infermiera preferita, i rappresentanti di A.O.B, tutti insieme per conoscere il mio primo libro, lì, nella splendida cornice de La casa di Scorta.

Una serata piacevole, una bella atmosfera.

Una serata di condivisione, perchè dalla condivisione  e da un desiderio è nato questo progetto.

Ancora adesso mi capita di guardare il mio libro come se tutto questo non stesse capitando a me. La stessa sensazione che provo tante volte pensando alla mia malattia, alla recente progressione polmonare, ma questa volta con una sensazione positiva. Molto positiva.

Come l’emozione mista ad agitazione che provavo ieri sera prima che iniziasse la mia serata e poi anche durante la presentazione.

Piano piano mi sono “acclimatata” ed è diventato tutto più semplice. Anche parlare davanti a un microfono e soprattutto davanti alle tantissime persone di fronte  a me. Perchè secondo me eravate davvero tantissimi. E adesso con le note di “Ioooo ho il sole dentro…” non posso non commuovermi.

Una canzone scritta per me, trasformando le mie parole in un bellissimo testo, con una meravigliosa melodia, interpretata dalla fantastica voce di Roberta che davvero assomiglia un po’ alla voce della mia cantante preferita, Elisa.

Una bellissima sorpresa organizzata per me dal mio dj Mauro :)) con la collaborazione di Roberta Savoldelli e Luca Balduzzi.

Una bellissima sorpresa  a conclusione di una piacevole chiacchierata, tra me e la mia amica  Paola,durante la quale abbiamo cercato di raccontare qualcosa del mio libro qualcosa che mi stava particolarmente a cuore far conoscere a chi era lì per la presentazione. 

La meravigliosa prefazione scritta per me da un amico speciale, interpretata con una splendida lettura espressiva da una nuova amica, Monica. 

L’Intervento conclusivo della mia Dr.ssa Cometti, che con la sua gentile disponibilità ha dato voce anche alla parte medica che mi accompagna in questo percorso. 

Percorso comunque non facile. Perché non dimentico che sto  affrontando una recentissima progressione. E proprio per questo da poco ho iniziato una nuova terapia. È vero si tratta di compresse da assumere a casa e apparentemente si potrebbe pensare che  non ci sia nulla di faticoso o pesante da gestire. È vero per ora a parte la stanchezza non sono comparsi effetti collaterali. Però c’è comunque un “lavoro” organizzativo. Ci sono  sveglie che suonano presto per cui poi non sempre riesco a riaddormentarmi e la stanchezza si amplifica. 

Ci sono digiuni  e orari da rispettare. Come ieri sera poco prima della presentazione puntuale con le mie compresse e una bottiglietta d’acqua nella borsa. 

Perché quello del paziente oncologico in fondo è un po’ un  lavoro. Vivere e R-esistere. Esistere due volte, vivere appieno questa vita che ci mette a dura prova. 

E come in ogni lavoro, qualche  volta ci sono degli eventi straordinari in cui mettiamo e investiamo tutti noi stessi e il risultato è eccezionale. 

Un libro. Marydallaltraparte. 

Una serata di presentazione. 

Una Splendida serata. 

Sorrisi, abbracci, sguardi di comprensione e qualche lacrima. 

Il tutto  illuminato dal sole e scaldato dal suo calore. Sole fuori e dentro. 

Perché come canta la ” mia” nuova canzone: 

” Anche davanti al nemico peggiore quello che conta è avere il sole …. ” 

Annunci

Una prima volta speciale

Oggi è stata giornata davvero speciale, una di quelle giornate da annoverare tra le prime volte. Oggi per la prima volta mi sono trovata sotto i riflettori e dietro a un microfono per raccontare di me, della mia storia e dei miei progetti. Oggi infatti ho partecipato alla trasmissione “Colazione con Radio Alta ”  trasmessa in diretta su Radio Alta  e visibile anche su Bergamo TV. Non ho idea di quante persone ascoltassero e seguissero questa trasmessione ma fortunatamente sono riuscita nonostante fossi tremendamente agitata a “dimenticarmi” del pubblico e della telecamera che mi fissava. 


Il conduttore Teo Mangione è riuscito davvero a mettermi a mio agio. Abbiamo fatto una piacevole chiacchierata parlando della mia storia, del mio blog e del mio libro. Nei giorni scorsi e anche questa mattina ero molto molto preoccupata quasi come si trattasse di un esame dell’università o peggio ancora della tesi di Laurea. In realtà continuavo a ripetere a me stessa per tranquillizzarmi e per auto convincermi che non si trattava di un esame e che dovevo parlare di qualcosa di mio, di una mia creatura, di qualcosa che veniva dal mio cuore. Eppure l’agitazione era comunque molto  forte. Ero molto preoccupata di non riuscire a trovare le parole, di non riuscire a esprimermi come avrei voluto. E invece con mia grande sorpresa posso dire che dopo un po’ mi sono abituata al suono della mia voce, mi sono abituata a chiacchierare con Teo come se fosse una normale chiacchierata e non la diretta di una trasmissione radio e TV. Sono riuscita quindi a raccontarmi senza troppo imbarazzo. Certo l’emozione eta forte e me ne sono accorta anche poi riguardando l’intervista. Il viso era un po’ “tirato” ma il sorriso non mancava. Forse anche perché in realtà quando sono un po’ agitata e imbarazzata io tendo a sorridere ancora di più. 

Comunque sono stata molto felice di aver  avuto questa possibilità e di aver accettato. Sono felice di aver superato la paura di questa prima volta anche perché ora mi aspetta la presentazione del libro. Mi troverò di fronte a delle persone che saranno lì presenti davanti a me, quindi l’imbarazzo probabilmente sarà ancora maggiore. 

Ringrazio il conduttore Teo Mangione per la sua ospitalità, per questa grande occasione ma soprattutto per avermi fatta sentire così a mio agio. Ringrazio Margaret per averci dato questo aggancio e ringrazio Paola per avermi accompagnato e per tutto l’appoggio e il supporto “pratico” che mi sta dando nella realizzazione del mio libro. 

Ci vediamo sabato 22 luglio  presso il Salone degli Eventi de La Casa di Scorta ad Alme’. 

Troverete una Mary molto emozionata, sicuramente molto agitata ma altrettanto felice,  orgogliosa e soddisfatta per un meraviglioso obbiettivo raggiunto.