Una sottile linea di confine 

Esiste una sottilissima linea di confine tra stanchezza e tristezza. E quando cerchi di stare costantemente in equilibrio su questa linea, può succedere di cadere e con te cadono le tue lacrime.

E non parlo solo della stanchezza fisica. Quella profonda astenia che accompagna costantemente chi come me sta facendo una terapia. Parlo di quella stanchezza d’animo che tante volte pesa sul cuore come un macigno. La stanchezza di chi convive con una malattia “cronica” come una cancro metastatico,  una malattia che nella migliore delle ipotesi ti accompagnerà per tutta la vita. Una malattia che non va in vacanza. Una malattia che  anche se  ti ha permesso di trascorrere delle fantastiche vacanze estive nonostante tutto è sempre stata qui ad aspettare con te questo settembre. Una malattia che prevede terapie costanti ed esami costanti. Una Tac che va a scansionare ogni millimetro del tuo corpo e che come già successo può  cambiare la tua vita in un attimo. 

Proprio in questo periodo, in cui  un’amica  combatte con le unghie e con i denti in un letto di ospedale. 

La stanchezza di chi vorrebbe un po’ più di comprensione. Ma non di compassione. La stanchezza di chi deve costantemente preoccuparsi di come sta chi vive vicino a te e invece guarda un po’ dovrebbe essere il contrario. Con tutto il rispetto per i problemi di ogni giorno, per il suo senso di impotenza e per la sua grande paura, ogni tanto la sottile linea di confine tra stanchezza e tristezza purtroppo viene superata. 

La stanchezza di chi da anni  aspetta una svolta e  un cambiamento che nonostante le tue 1000 proposte e buone intenzioni purtroppo non arriva. La stanchezza di chi deve combattere contro i mulini a vento e contro un muro che rimanda indietro sempre la stessa palla. È vero, forse basterebbe un po’ più di coraggio ma quando stai combattendo una battaglia molto più grande non è una questione di coraggio. È una questione di energia che si esaurisce. 

La stanchezza di chi fa da mamma e un po’ anche da papà, e deve conservare la sua energia proprio per i suoi  bambini. Energia entusiasmo ottimismo  e parole sincere perché questa situazione non pesi troppo su di loro ma con la possibilità di poterne parlare sempre. 
E poi proprio in una giornata di pioggia come questa tra  giochi sul tappeto e qualche salto nelle  pozzanghere la tristezza lascia il posto a una sorta di malinconia.

 
Nell’ennesimo sabato noi quattro soli, con questa mamma un po’ stanca, aspettando papà questa sera e aspettando che torni il sole. 

Dentro e fuori. 
 

 

Annunci

Una risposta a "Una sottile linea di confine "

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...